INA Casa Tuscolano Via Paestum: abbattimento di 7 Pinus pinea: quando la ripiantumazione?

Stampa

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo appello:

Abito in Via Sagunto nel cuore del quaritere INA Casa Tuscolano.
Vorrei appellarmi a voi come associazione affinche` si possano sensibilizzare i condomini del parcheggio condominiale di Via Paestum, 29 per la ripiantumazione di nuovi alberi, a seguito dell`abbattimento di ben 7 Pinus pinea dopo l`entrata in vigore del nuovo regolamento dell`Assessoto al verde di Roma Capitale che consente l`abbattimento di qualsiasi alberatura anche nelle zone non sottoposte a vincolo paesaggistico. E` uno scempio che numerosi pini ad alto fusto vengano rimossi senza motivo senza neanche ripiantare alcuna essenza arborea. Come potete contribuire a sollecitare i condomini proprietari che gli alberi costituiscono la chiave dell`originario Piano Ina casa oltre che fattore imprescindibile al decoro architettonico delle palazzine in schiera? Come cittadino desidero che venga mantenuto il patrimonio ambientale del quartiere INA CASA, sicuramente uno dei quartieri popolari piu` verdi della nostra citta`. Mi sconcerta il fatto che questi pini siano stati abbattuti per nessun fine concreto, magari per la ristrutturazione del parcheggio o per recimolare uno o due posti auto in piu`...niente affatto...e` da piu` di un mese che e` rimasto cosi` con radici a vista, deturpando irremediabilmente l`area tutta, ora ancora piu` assolata.
Il giardino di Via Paestum n. 29 oggi sembra ombra  Spero che come comitato di quartiere possiate invitare i condomini interessati a ripiantare al piu` presto nuove alberature (Quercus Ilex e` l`ideale!!) per reintegrare il verde oggi perduto!! I condomini devono comprendere che le alberature concorrono sensibilmente ad avvalorare gli edifici abitati in quanto sono essenziali anche per il decoro architettonico delle palazzine stesse.
Avevamo deciso di abitare proprio al Quadraro oltre per la facile accessiiblita` con la metro soprattutto per il verde che distinguono le nostre case dagli altri quartieri...

Simone Privitera