Stampa
Categoria: News
Visite: 0
Solo chi conosce la ‘salita del Quadraro‘ può capire l’aforisma di Celestini riproposto sotto.
Il Quadraro è stata una delle periferie proletarie storiche della Roma dell’inizio novecento, e ha mantenuto intatti negli anni alcune caratteristiche antropiche e culturali (come ad esempio l’amore per l’antifascismo).
Ci vivo solo da pochi anni, ma lo conosco da sempre.
Un quartiere insostituibile.
Prima di superare l’acquedotto romano e affacciarsi verso i quartieri ormai borghesi di piazza dei Colli Albani e di via Appia Nuova, la Tuscolana si inerpica in una salita di cemento, squallida e ripida. Alla base della salita si è formato (prima per baracche, ormai con palazzi di cemento) il Quadraro ‘vecchio’, sobborgo operaio che si è andato espandendosi nell’immediato dopoguerra fino ad abbracciare una zona effettivamente più ampia dell’originale.
Ancora oggi quel tratto di Tuscolana in salita rappresenta la squallida cesura tra il centro e la periferia, incarnando alla perfezione la ‘distanza’ tra le diverse zone della città.

 

A noi del Quadraro c’hanno messo in fondo
a ‘sta discesa per farci ricordare tutti i giorni
che entrare dentro Roma è ‘na fatica.
Che per diventare cittadini dell’Urbe
per noi è ‘na strada tutta in salita.
(Ascanio Celestini)